Carlo Rubbia

La Fisica delle particelle elementari

HOME PAGE

I LEPTONI

I QUARK

I COLORI

LE INTERAZIONI

 LA SCHERMATURA

IL MASCHERAMENTO

LA SIMMETRIA ELETTRODEBOLE

L'UNIFICAZIONE

 CONCLUSIONI

GLOSSARIO

BIBLIOGRAFIA

LINKS

FORUM

Indice Breve Storia della fisica delle particelle 

Enrico Fermi

.

Particelle e Cosmologia

 

Il Tevatron del Fermilab

 

oltre la teoria standard:

 

C'è un limite alla comprensione?

 


Le Scienze on line

Galileo - giornale di scienza e problemi globali


 

Large Hadron Collider

 

E-mail

 

 

 

La Fisica delle particelle elementari

CARLO RUBBIA

Rubbia, Carlo (Gorizia 1934), fisico italiano. Conclusi gli studi universitari presso l'Università di Pisa (1957), Rubbia si trasferì a New York, dove lavorò per circa un anno alla Columbia University. Proseguì le sue ricerche all'Università La Sapienza di Roma e nel 1960 divenne ricercatore al CERN di Ginevra, il Laboratorio europeo per la fisica delle particelle. Dal 1971 al 1988 fu professore di fisica alla Harvard University, e dal 1990 al 1993 direttore generale del CERN. Nel 1994 ha assunto la direzione dell'International Center for Theoretical Physics di Trieste.

La sua proposta di convertire il superprotosincrotrone del CERN in un anello di collisione per protoni e antiprotoni ha permesso di raggiungere energie sufficienti per osservare eventi in cui si producono i bosoni intermedi W e Z0. La scoperta di queste particelle elementari, annunciata nel 1983, confermò l'unificazione delle forze elettromagnetiche e dell'interazione debole, costituendo un passo fondamentale nello sviluppo della fisica moderna. L'attività di ricerca di Rubbia ha coperto diversi campi della fisica, quali lo studio dei neutrini cosmici, l'analisi della stabilità del protone, il progetto di una fusione nucleare controllata, e il progetto di un reattore nucleare basato sull'utilizzo di torio come materiale radioattivo. Per la scoperta dei bosoni W e Z0 Rubbia ha ricevuto il premio Nobel per la fisica nel 1984, condividendolo con l’olandese Simon van der Meer, che, con l’invenzione di un metodo elettronico per ottenere fasci densi e concentrati di antiprotoni, rese possibile la realizzazione dell’esperimento proposto da Rubbia.


a cura di Pio Passalacqua 

 

Enrico Fermi   |   Richard Feynman   |   Murray Gell-Mann   |   Sheldon Lee Glashow   |   Werner Heisenberg   |   Ettore Majorana   |   Wolfgang Pauli   |   Carlo Rubbia   |   Abdus Salam   |   Steven Weinberg   |   George Zweig   |