Sheldon Lee Glashow

La Fisica delle particelle elementari

HOME PAGE

I LEPTONI

I QUARK

I COLORI

LE INTERAZIONI

 LA SCHERMATURA

IL MASCHERAMENTO

LA SIMMETRIA ELETTRODEBOLE

L'UNIFICAZIONE

 CONCLUSIONI

GLOSSARIO

BIBLIOGRAFIA

LINKS

FORUM

Indice Breve Storia della fisica delle particelle 

Enrico Fermi

.

Particelle e Cosmologia

 

Il Tevatron del Fermilab

 

oltre la teoria standard:

 

C'è un limite alla comprensione?

 


Le Scienze on line

Galileo - giornale di scienza e problemi globali


 

Large Hadron Collider

 

E-mail

 

 

 

La Fisica delle particelle elementari

SHELDON LEE GLASHOW

Glashow, Sheldon (New York 1932), fisico statunitense. Studiò alla Cornell University e a Harvard. Terminati gli studi lavorò per breve tempo a Copenaghen, presso il Nordic Institute for Theoretical Atomic Physics, per poi tornare negli Stati Uniti, dove svolse la propria attività di ricerca presso diverse università. Dal 1967 è professore di fisica presso la Harvard University.

Nel 1979 ottenne il premio Nobel per la fisica, insieme allo statunitense Steven Weinberg e al pakistano Abdus Salam, per il suo contributo alla formulazione della teoria elettrodebole. La teoria fornisce un'interpretazione unitaria di due delle quattro forze della natura, l'interazione elettromagnetica e l'interazione debole; la prima è la forza responsabile dei fenomeni di attrazione e repulsione tra le cariche elettriche, e quindi del legame tra gli elettroni e i protoni all'interno dell'atomo; la seconda è una forza di intensità molto minore (da cui il nome di interazione debole) che, fra gli altri fenomeni, regola il decadimento beta del nucleo atomico, uno dei decadimenti radioattivi.

A Glashow si deve anche l'ipotesi dell'esistenza del quarto "sapore" (flavour) dei quark, il charm (indicato col simbolo c), uno dei sei fino ad oggi noti. 


a cura di Pio Passalacqua 

 

Enrico Fermi   |   Richard Feynman   |   Murray Gell-Mann   |   Sheldon Lee Glashow   |   Werner Heisenberg   |   Ettore Majorana   |   Wolfgang Pauli   |   Carlo Rubbia   |   Abdus Salam   |   Steven Weinberg   |   George Zweig   |